15 settembre 2014

Il sessismo nella lingua italiana

Fabiana Fusco, docente di linguistica all’Università di Udine, ha presentato alla Casa delle Donne il suo libro “La lingua e il femminile nella lessicografia italiana tra stereotipi e (in)visibilità”.

Lo studio costituisce una riflessione sugli usi che, giorno dopo giorno, facciamo di talune parole e di talune espressioni logore e stereotipate riflesse nei vocabolari italiani e da lì diffuse. Dopo aver illustrato alcune tematiche generali relative al genere femminile e allo stereotipo di genere nella lingua italiana, la ricerca focalizza l’attenzione sugli aspetti di sessismo linguistico che mostrano delle dissimetrie di trattamento dei significati attribuiti agli uomini e alle donne. Osservatorio privilegiato sono i dizionari che, mirando a descrivere l’impiego della lingua, si configurano come strumenti di conoscenza non solo linguistica. L’obiettivo è di passare in rassegna le forme e i contenuti dei lemmi riconducibili alla donna decostruendo l’architettura ordinata propria di un dizionario e seguendo un percorso di parole femminili, focalizzato su una selezione tematica omogenea e su una discrezione più fine dei significati. Scopriremo dunque che ministra, sindaca, ingegnera sono parole come le altre, né belle né brutte: l’unica differenza sta nel fatto che i parlanti non sono sempre abituati a pronunziarle o a scriverle. Solo continuando a discutere e far circolare i nuovi termini, attraverso grammatiche, dizionari, saggi di divulgazione linguistica e i mezzi di informazione, si potrà giungere a un cambiamento nei comportamenti linguistici.

Moltissimi gli approfondimenti possibili, ma non si può prescindere da quello che in Italia, nel 1993, ha rappresentato un punto di partenza fondamentale per l’uso del linguaggio: “Il sessismo nella lingua italiana” di Alma Sabatini a cura della Commissione Nazionale per le Pari Opportunità.